Lasciare il segno

È sul medio e lungo termine che si riconosce la qualità di un manager, la sua leadership e la sua capacità di lasciare un segno. Nel breve le parole sono facili, le promesse abbondano ma è sulla distanza che si capisce se le decisioni prese, le strategie definite e le tattiche applicate hanno saputo generare un impatto che va oltre la presenza del manager stesso. 


Ci sono leader che lasciano insegnamenti, cambiamenti, processi o idee che permangono nel tempo ed entrano a far parte del sistema organizzativo stesso. 

Ma generare un impatto a medio termine dipende 3 fattori. Il primo sono le capacità della persona, questa è ovviamente la base incontestabile. Ma occorre anche un sistema organizzativo che permetta un cambiamento e, come in ogni relazione che si rispetti, che esista una comunità di intenti. Se questi tre fattori si incontrano allora osserveremo manager capaci di lasciare un’impronta nel tempo. 

Ne ho visti tanti negli anni entrare osannati, lasciare dopo pochi anni ed essere dimenticati dopo poche settimane senza lasciare alcuna traccia del loro passaggio. 

Quale segno lasceremo nel medio-lungo termine? Questa è la domanda che dobbiamo farci regolarmente se vogliamo dare un senso a quello che facciamo.

#movingthemountain ora disponibile su amazon

One Comment Add yours

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s